Intervista a Luca Salvatori
Home / Happy Aquatics / Il Made in Italy di Qualità: AQQUATIX-EAA – Intervista a Luca Salvatori

Il Made in Italy di Qualità: AQQUATIX-EAA – Intervista a Luca Salvatori

Luca Salvatori - Aqquatix

Presente in 63 paesi nel mondo, l'azienda capitanata commercialmente da Luca Salvatori sta proiettandosi verso nuovi e più prestigiosi traguardi. Le opinioni di un grande manager e gli obiettivi di una compagine orgogliosamente italiana.

Può dirci quali sono le principali ragioni del successo di Aqquatix in Italia e nel mondo, dal momento che oggi la sua impresa esporta in 63 nazioni?

La ragione principale del successo sta in tre fattori: Qualità, Innovazione e Staff.

Tutto questo significa:

  • prodotti eseguiti con materiali di primo livello
  • assistenza sempre presente ovunque e per ogni necessità
  • struttura commerciale ben costruita e molto professionale
  • formazione che accompagna la vendita e non solo, grazie alla nostra consorella European Aquatic Association (EAA), con altre partnership di rilievo, come Wellink
  • campagne di comunicazione e marketing in tutto il mondo
  • Innovazione (un must!)

Hosand

In cosa si distingue Aqquatix in un mercato che sovente esprime poco e, quel poco, puntando su prezzi bassi, spesso però eccessivi per la mediocrità sottesa ai prodotti di modesto valore intrinseco e funzionale?

Quanto testé detto è un grande fattore distintivo che ci deve riguardare oggi e domani. L'Innovazione è un altro aspetto preponderante, mirato allo studio di nuovi prodotti (BPM Bike) e soluzioni (aXe Programs) che possano davvero rappresentare un'importante traccia da seguire, legandola alle aspirazioni di operatori motivatissimi a crescere. Non posso negare che ci inorgoglisce vedere che i concorrenti attendono le nostre mosse per copiarci. Copiare dovrebbe essere più facile che inventare; però quasi sempre, scimmiottare, volendo tenere i prezzi molto bassi, fa svanire del tutto il principio di qualità, che, nel nostro caso, è una priorità molto allargata e non limitata al prodotto, ma estesa a tutti i servizi collaterali, parte integrante degli stessi.

Come direttore commerciale, con un'ampia visione del mercato acquatico, ben più aggiornata del concetto un po' conservativo di mero nuoto/scuola nuoto, quali aree di profitto intravede per le piscine? E Aqquatix come sta interpretando questo new thinking degli operatori più evoluti?

Acquapole-useIl nuoto rimane una parte importante, ma si sta comprendendo che la maggioranza della popolazione sarebbe disposta a frequentare gli impianti e l'acqua (elemento già di per sé attraente) se venissero offerti servizi dedicati al benessere, alla salute e al divertimento, quindi con attività che si svolgono in Verticale e che possono accogliere tutti, anche chi ha timore dell'acqua profonda.

Aqquatix insieme ad E.A.A. è molto attenta a tutte le novità che il mercato offre e può offrire e che vanno in questa direzione. Novità di attrezzature - grandi come Star Treadmill o Acquapole, piccoli come il Cloud Foot o i nuovissimi attrezzi di Acquami method -, settore nel quale siamo l'azienda con la più vasta gamma di prodotti al mondo, ma che continuerà ad "inventare"; novità in programmi che vengono studiati dai nostri colleghi di E.A.A. - Aqua Cardio Training - o anche selezionati solo se di alto contenuto - Aguamovida, Acquami-, grazie ad idee di professionisti che poi entrano nella squadra E.A.A., e novità di prodotti "divertenti" che commercializziamo (su tutti la tedesca Wibit Sports).

Quali sono i progetti più imminenti che Aqquatix intende lanciare e come riesce la sua azienda a sostanziare modelli di servizio e guadagno pro club/piscina studiati per i diversi targets "acquatici"?

Aqquatix, oltre a contare sul proprio centro ricerche, in sinergia con EAA, è associata ad Acquanetwork che raccoglie aziende del settore ed imprenditori tra i più illuminati, organizzando, fra l'altro, incontri in cui ci confrontiamo su idee innovative che possano essere vincenti e soprattutto redditizie per ogni operatore, in coerenza con quanto ho sopra indicato.

Aqquatix è parte attiva di questo progetto e ravviva il suo slancio con la nuova generazione di attrezzature della linea Advanced, integrando tale gamma con il monitoraggio di frequenza cardiaca e altri parametri grazie al sistema Hosand. Oltre a questo, ci sono poi progetti specifici in campo formativo che decliniamo grazie all'alta expertise di E.A.A.: non solo percorsi innovatissimi e proposti itinerando, ma sempre più online, ovvero aXe Programs, la nuova frontiera per assicurare in remoto la qualità della formazione e, di conseguenza, dei prodotti, in Italia e nel mondo. Stiamo però già preparando altre novità per il 2016, forti anche di partnership qualificanti con Wellink e Consorzio in Acqua di Piacenza.

In ragione della sua notevole esperienza in compagini leader, cosa distingue una grande azienda dalle altre e in cosa oggi Aqquatix rispecchia tale proiezione volta ad una crescita internazionale?

Mio parere è che un'azienda si reputi "grande" se ha la struttura organizzata con una Mission molto chiara, una Vision condivisa e soprattutto se è capace di "sognare" andando “oltre”, cercando crescite sane, dove per sane si intende migliorando i margini operativi nel rispetto di valori etici. Questo è il nostro obiettivo di ogni giorno, che corre parallelo al desiderio di coinvolgere persone di qualità in azienda e sul mercato, sia in Italia che all'estero; Persone capaci di credere e condividere le nostre idee e magari di aiutarci a svilupparne di nuove perché ritengo che una Grande Azienda debba essere in grado di ascoltare e voler crescere. Noi riteniamo di avere molte persone con queste caratteristiche e siamo molto fieri di loro!

Secondo il suo sentire, quali sono i risultati ad oggi raggiunti che più la gratificano e su cosa intende puntare per rafforzare la leadership di Aqquatix in Italia e nel mondo?

Riuscire ad avere una squadra coesa, volta a raggiungere obiettivi chiari e condivisi, è uno dei punti più importanti nella nostra scala di valori e lo stiamo conseguendo. Questo ci fa davvero continuare a sognare prospettive splendide per il nostro futuro. Ritengo che solo con un grandissimo lavoro di Team si possano ottenere risultati perfino incredibili ed inimmaginabili. L'esempio calzante è ciò che è accaduto in questa annata. Nel periodo agosto-ottobre siamo andati in crisi di produzione per la mole inattesa di ordini e solo con condivisioni e compattezza di squadra, anche se con qualche disagio di troppo per la clientela, li abbiamo superati. Quindi il Team prima di tutto, poi dobbiamo ovviamente continuare a tendere all'eccellenza nei prodotti e assolutamente puntare diritti all'innovazione. Questi con la volontà di divulgare il nostro Brand, sono gli obiettivi.

AFABPM0002_BPM_Two_YE_2015HD_NO-GraphicsUn modello di servizio vincente che ritiene ideale e che oggi Aqquatix sta interpretando (o interpreterà) anche e soprattutto in base alle sue convinzioni di top manager.

Vogliamo vendere ai nostri clienti le attrezzature, accompagnando questo con la formazione sia tecnica che manageriale, perché non ha alcun senso, per me, Direttore Commerciale, vendere oggi e basta. Preferiamo vendere meno, ma BENE. Vorrei riuscire a conquistare un cliente “per sempre”. Ogni cliente ha dietro di sé un mondo, ogni cliente è un potenziale "venditore" che può aiutarci a crescere con il passaparola, che reputo abbia un effetto dirompente. Ecco questo è quello che dovrebbero fare anche Gestori, Direttori e proprietari di impianti: capire che ogni cliente ha dietro di sé un potenziale che non conosciamo. Dovremmo tutti essere in grado di "trattare" ogni cliente come fosse UNICO. Questo è il sogno del nostro modello di Servizio!

Cosa invece ritiene perdente per una piscina che intende svilupparsi negli anni a venire e in che modo Aqquatix con EAA può configurasi come partner insostituibile, personalizzando il rapporto con qualsivoglia piscina?

Insistere con soluzioni di ieri e offerte povere, magari a pochi soldi, è perdente. Noi non lasciamo che il nostro cliente navighi a vista o “galleggi”, ma lo sosteniamo, se lo gradisce, nel momento in cui entra nel mondo Aqquatix: siamo in grado di dare il meglio per le attrezzature, contestualizzandole al centro sportivo ove si collocano, e guidando tutti gli operatori del team ad approcci congrui con nuovi modelli di business, fedeli alla filosofia che pone al centro del sistema il cliente-ospite. Questa seconda parte viene valorizzata da EAA, aXe programs e attraverso collaborazioni con i migliori Professionisti o organizzazioni credibili come Wellink.

Quali le grandi novità che è lecito attendersi dal mercato e da Aqquatix nel 2016, indicando i traguardi cui la sua azienda sta puntando?

Novità di prodotto sono diverse e arricchiranno la nostra “collezione” 2016: più tecnologia fruibile su grandi attrezzi, aggiornamento di alcuni modelli che hanno più di cinque anni di vita, la nuova linea Wave che sostituirà parte degli attrezzini “Flower”, ma anche il lancio di novità esclusive che abbiamo acquisito per accordi con ideatori che fanno onore all'Italia: Acquabalance (trave acquatica), Hydrostride, metodo originalissimo ed efficace sul treadmill, e il rilancio, con nuove metodologie correlate di Water Up & Down. Puntiamo altresì ad aumentare il numero di Collaboratori, capaci di essere decisivi per raggiungere nuovi traguardi. Vogliamo essere l’Azienda con la A maiuscola con l'ambizione di migliorare sia qualitativamente, che replicando crescite a doppia cifra registrate in questi ultimi due anni, espandendoci ancora di più all'estero, con basi solide soprattutto nei mercati delle Americhe. In questo progetto di potenziamento E.A.A. ha anticipato alcune mosse, con sviluppi impensabili su scala europea, ma anche nei Paesi latino americani.

Insomma, abbiamo la passione per la crescita, ma ci piace condividere tale propensione con tutti coloro che scelgono noi come partner e compagni di percorso.